Attacco Flood HTTP


Attacco Flood HTTP

Un attacco di inondazione HTTP è simile a un attacco DDoS in cui si intende arrestare un server specifico puntandolo ripetutamente con richieste HTTP.


Che cos’è un attacco alluvione HTTP?

Un Attacco alluvione HTTP è un tipo di attacco basato sul volume progettato per l’invio DDoS inviare richieste al server di destinazione con i mezzi per sovraccaricarlo Richieste HTTP. Una volta che l’obiettivo è stato colmo con richieste HTTP e non è in grado di rispondere al traffico normale, si verifica una negazione del servizio per richieste aggiuntive dagli utenti effettivi.

Questi attacchi alluvione HTTP spesso si basano su un botnet ovvero un insieme di computer connessi a Internet che sono stati integrati con un virus dannoso attraverso l’uso di malware come cavallo di Troia.

Come funziona un attacco alluvione HTTP?

L’attacco alluvione HTTP è livello 7 del Livello OSI. Il livello 7 è il livello di applicazione del modello che fa riferimento a protocolli Internet come HTTP. HTTP viene utilizzato per ricevere e inviare richieste del browser, comunemente utilizzato per caricare pagine Web o compilare moduli online su Internet.

Ridurre attacchi a livello di applicazione è un po ‘complesso poiché diventa difficile distinguere tra traffico di utenti normali e dannosi. Essere abbastanza competenti per raggiungere la massima efficienza, attaccanti creerà botnet per avere l’impatto più significativo del loro attacco.

Utilizzando dispositivi infetti da malware dannoso, un utente malintenzionato può trarre vantaggio dalla situazione avviando un mucchio di traffico sul previsto vittima.

Categorie di attacchi Flood HTTP

Attacco HTTP Get: In questa forma di attacco, molti dispositivi vengono combinati per richiedere immagini, file o altri supporti da un server di destinazione. Quando la destinazione riceve le richieste e continua a ricevere da più fonti, di conseguenza, porta a Attacco alluvione DDoS.

  • Attacco HTTP Get: In questa forma di attacco, molti dispositivi vengono combinati per richiedere immagini, file o altri supporti da un server di destinazione. Quando la destinazione riceve le richieste e continua a ricevere da più fonti, di conseguenza, porta a Attacco alluvione DDoS.
  • HTTP post-attacco: In genere, quando un utente compila un modulo online e lo invia sul browser, il server deve gestire il HTTP richiedere e condurlo a un livello di persistenza, più comunemente il database. La procedura per gestire l’invio dei dati e l’esecuzione dei comandi sul database è molto più intensa rispetto alla quantità di potenza di elaborazione richiesta per inviare una richiesta post HTTP. Questo attacco utilizza il consumo di energia delle risorse inviando molti Richieste HTTP al server Web e, di conseguenza, e Attacco DDoS HTTP si verifica fino a quando la sua capacità non si satura.

Segni di un attacco di inondazione HTTP

Questi tipi di attacchi DDoS sono progettati per causare la vittima sopraffatta HTTP richieste assegnando la maggior parte del consumo di energia alla produzione di un attacco denial of service su un sistema o una rete. L’attacco mira a inondare il server con il maggior numero possibile di richieste ad alta intensità di processo.

Le richieste post HTTP vengono utilizzate principalmente poiché comporta un consumo di risorse lato server maggiore. Mentre Attacchi HTTP sono più facili da produrre, portando così ad attacchi botnet per ottenere il massimo disturbo.

Come mitigare l’attacco alluvione HTTP?

Come sopra menzionato, attenuante Attacco alluvione HTTP può essere un compito piuttosto complesso e intenso e spesso sfaccettato. Un metodo prevede l’implementazione di un’attività per identificare la macchina vittima se è a Bot o no, simile a a captcha test che ti chiede se sei un robot o no. Fornendo un prerequisito come una sfida JavaScript, riducendo il rischio che si verifichi un’inondazione HTTP.

Altre tecniche per fermare l’attacco DDoS alluvione HTTP è implementare a applicazione web firewall, gestendo la reputazione e la popolarità di un indirizzo IP per identificarlo come un’autentica fonte di traffico e bloccare selettivamente tutto il traffico dannoso. Avere un ampio vantaggio di varie proprietà di Internet consente alle aziende di analizzare il traffico Web e mitigare potenziali attacchi implementando i firewall delle applicazioni Web per eliminare attacchi DDoS a livello di applicazione.

Perché l’attacco alluvione HTTP è pericoloso?

Poiché utilizzano le richieste URL standard, il traffico normale distinto dal traffico dannoso è quasi impossibile. Perché non si basano sulla riflessione o spoofing tecniche, quindi rende difficile identificare il traffico infetto.

E poiché richiedono una larghezza di banda molto inferiore rispetto a attacchi di forza bruta, spesso possono oscurarsi mentre contemporaneamente fanno crollare l’intero server. HTTP gli attacchi alluvionali sono progettati intenzionalmente per il bersaglio specifico, rendendo molto più difficile scoprirli o bloccarli.

Concludendo, può essere abbastanza disastroso per qualsiasi macchina vittima affrontare Inondazione HTTP che non intendeva fare o di cui non era a conoscenza, portando così a un server sovraccarico intrappolato per ricevere traffico normale.

Tuttavia, il più altamente raccomandato attenuazione la tecnica per prevenire le inondazioni DDoS è attraverso metodi di profilazione, ad esempio identificando la reputazione UP, monitorando attività anomale degli utenti e adottando sfide di sicurezza progressiva.

Molte aziende utilizzano speciali software automatizzati per analizzare tutto il traffico di rete in entrata attraverso il quale possono identificare e classificare tutto il traffico web in entrata. Ad esempio, la protezione delle applicazioni web di Imperva mira a identificare tutto botnet per prevenire gli attacchi alluvione HTTP analizzando maligno traffico bot e protezione contro tutti gli attacchi a livello di applicazione di livello 7.

Ulteriori informazioni su DDoS

Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map